Vai al contenuto

Realizzare innovazioni aerodinamiche per i veicoli elettrici

Webinar su richiesta

Come utilizzare la simulazione CFD per ottenere un coefficiente di resistenza aerodinamica pari a 0,19

L’avvento dei veicoli elettrici ha dato vita ad un nuovo fenomeno, con particolare attenzione alla caratteristica dell’autonomia. L’autonomia dei veicoli elettrici, infatti, tende ad essere inferiore rispetto a quella dei gruppi propulsori tradizionali e l'operazione di ricarica richiede più tempo del normale rifornimento di carburante. A velocità superiori ai 64 km/h, la resistenza aerodinamica inizia ad avere un ruolo significativo come causa del consumo di energia. Di conseguenza, la progettazione di veicoli con scarsa resistenza fluidodinamica può ampliare notevolmente l’autonomia di guida in autostrada.

Il webinar si sofferma sull’utilizzo della fluidodinamica computazionale (CFD) per realizzare veicoli a scarsa resistenza fluidodinamica. Il nostro relatore ospite, Enric Aramburu di Applus+ IDIADA presenta il progetto Cronuz e l’esperienza dell’azienda nell’impiego della simulazione CFD per creare un’automobile SUV compatta ed elettrica con soluzioni aerodinamiche all’avanguardia.  Cronuz include fattori aerodinamici attivi e passivi, concentrati in alcune aree chiave quali timoniera e sottoscocca, in combinazione con la progettazione ottimizzata della carrozzeria per fornire un impressionante coefficiente di resistenza aerodinamica pari a 0,19

I nostri esperti del settore illustrano come utilizzare la simulazione CFD per esplorare varianti del progetto e il relativo impatto sulle prestazioni aerodinamiche, nonché sulla capacità di accelerare il ciclo di progettazione per soddisfare o superare i requisiti.

Come possiamo aiutarti?