03 May 2011

Il nuovo approccio globale allo sviluppo dei prodotti favorisce la collaborazione e accelera l’innovazione

MILANO, Italia, 3 maggio 2011 – Nell’economia post-recessione, le attività per lo sviluppo di prodotti vincenti saranno sempre più legate a strumenti IT avanzati, e guidate da questi, come ad esempio i software di gestione del ciclo di vita dei prodotti (PLM) e di collaborazione, che consentono a tutti gli addetti coinvolti nella realizzazione di un prodotto di condividere gli aggiornamenti, riutilizzare i dati e snellire i processi. È questa una delle evidenze principali riportate da uno studio condotto su oltre 1.200 aziende multinazionali da Harvard Business Review Analytic Services, finalizzato a capire come si stanno posizionando le aziende per garantirsi la crescita dei ricavi nella fase di ripresa economica. L’indagine è stata sponsorizzata da Siemens PLM Software, business unit di Siemens Industry Automation Division e leader mondiale nella fornitura di software e servizi per la gestione del ciclo di vita del prodotto (PLM, Product Lifecycle Management).

In un contesto di concorrenza globale sempre più forte e budget di ricerca e sviluppo (R&D) sotto stretto controllo, è stato chiesto alle aziende di illustrare i loro piani per migliorare l'efficienza dell'R&D e di spiegare quale ruolo pensano che l'IT svolgerà nell'ambito di questi piani. Le 1.214 società interpellate, appartenenti a diversi settori industriali, dal manifatturiero ai servizi professionali alla sanità, sono state anche interrogate sul ruolo svolto da partner e clienti nei loro processi di sviluppo dei prodotti, e sulle sfide principali che devono affrontare per implementare strumenti IT best-in-class a supporto delle loro attività di progettazione.

Ecco alcuni risultati emersi dal sondaggio:

  • Dal 2008 il 55 percento delle aziende ha operato nell'ottica del miglioramento dell'efficienza R&D, attraverso strategia come l’uso di strumenti IT per favorire la collaborazione.
  • La metà degli intervistati ha dichiarato che una delle priorità principali per il 2011 è aumentare il tasso di innovazione.
  • Indicazioni e suggerimenti dei clienti sono la fonte più importante per nuove idee di prodotto
  • Oltre la metà delle aziende ha dichiarato che marketing, attività operative, vendite e amministrazione collaborano con il reparto R&D.
  • Il 55 percento ha dichiarato che i partner sono una fonte importante di idee e supporto all’innovazione.
  • Il 43 percento ha dichiarato che la tutela della proprietà intellettuale rappresenta una sfida nelle relazioni con organizzazioni esterne.

Da tutto il campione è emersa chiaramente la stretta correlazione fra l’uso efficace dell’IT e il lancio di nuovi prodotti. Solo un’azienda su cinque interpellate ha giudicato “buona” la valutazione dei processi legati ai nuovi prodotti da parte della dirigenza. Tuttavia, fra le organizzazioni nelle quali i reparti IT incoraggiano l’innovazione e l’adozione di nuovi strumenti come il PLM, quasi la metà dei dirigenti ha espresso un giudizio di "buono" rispetto ai propri processi di sviluppo dei prodotti. Al contrario, le aziende che non utilizzano strumenti IT per monitorare lo sviluppo di nuovi prodotti, o sono insoddisfatte del supporto fornito dal reparto IT in tal senso, hanno registrato un tasso maggiore di insoddisfazione rispetto ai risultati delle attività di innovazione dei prodotti e all'impatto sui ricavi dell'azienda.

“Le risposte del campione dimostrano come l’IT consenta di adottare un nuovo modello più efficiente per la progettazione e lo sviluppo dei prodotti,” ha dichiarato Alex Clemente, amministratore delegato di Harvard Business Review Analytic Services. “L'efficienza dell'attività di sviluppo dei prodotti sarà determinata sempre più dall'utilizzo di strumenti IT come il PLM, con modalità collaborative più evolute fra aree geografiche, partner e discipline differenti.”

“L’indagine approfondita condotta da un istituto prestigioso come Harvard Business Review conferma ciò che sentiamo dire dai nostri clienti sull’impatto e sul recupero dell’investimento offerti dalle soluzioni PLM,” ha sottolineato Chuck Grindstaff, President and Chief Technology Officer, Siemens PLM Software. “Oggi più che mai le aziende puntano ad avere il pieno controllo delle competenze, delle conoscenze, della creatività e delle idee dei loro addetti, per sfruttarle in tutte le fasi del ciclo di vita del prodotto. La nostra leadership sempre più solida dimostra come le aziende scelgano di rivolgersi a Siemens PLM Software e alle sue tecnologie per raggiungere i propri obiettivi a tutti i livelli dell'organizzazione.”

Secondo il sondaggio, i cinque strumenti tecnologici più diffusi nelle realtà che ricevono un forte supporto dal reparto IT e operano con successo in ambito R&D sono:

  • progettazione e analisi
  • gestione dei fornitori
  • gestione dei requisiti di prodotto
  • gestione strategica del portafoglio di attività R&D
  • processi di modifica e flussi di lavoro

In relazione ai piani futuri per l’integrazione di strumenti IT più sofisticati nel processo di pianificazione dei prodotti, la gestione strategica del portafoglio viene giudicata come un elemento sempre più importante. Oltre due terzi delle aziende interpellate che utilizzano strumenti IT per monitorare lo sviluppo dei prodotti hanno dichiarato che la gestione del portafoglio assumerà grande importanza nella loro organizzazione entro due anni. Oltre alla capacità di sviluppare un portafoglio migliore, hanno citato anche la possibilità di creare nuovi processi gestiti da team trasversali a diverse funzioni e collegati a partner esterni, assicurandosi in tal modo benefici fondamentali per la gestione del portafoglio di prodotti.

Infine, il sondaggio ha analizzato il valore attribuito ai partner nel processo di sviluppo dei prodotti. Oltre la metà delle aziende interpellate ha dichiarato che i partner sono importanti nella valutazioni legate al progetto. Entro il 2013, l’86 percento delle aziende prevede di avere almeno un progetto di prodotto in corso nato dall’idea di un partner. Per visualizzare i risultati dettagliati dell’indagine, cliccare qui.

Informazioni su Harvard Business Review Analytic Services

Harvard Business Review Analytic Services è un’unità di ricerca sponsorizzata, indipendente operante nell’ambito dell’Harvard Business Review Group, che conduce ricerche e analisi comparative di tendenze nella gestione e nel business. HBR Analytic Services è risultata finalista per l’assegnazione del riconoscimento 2010 M&M Awards nella categoria “Miglior contributo a una campagna multimediale da parte di un proprietario di società di produzioni multimediali" per il suo studio del 2009 “Face-to-Face”, sponsorizzato da British Airways. Le ricerche di HBR Analytic Services sono state citate in articoli pubblicati, fra gli altri, su The New York Times, Economist.com, USA Today e The Times of London.

Informazioni su Harvard Business Review

Harvard Business Review è la fonte principale di opinioni intelligenti e idee innovative nel campo della gestione. Tramite l’importante rivista per cui è famosa, 11 edizioni internazionali pubblicate su licenza, libri pubblicati da Harvard Business Review Press, nonché strumenti e contenuti digitali pubblicati su www.hbr.org, Harvard Business Review offre ai professionisti in tutto il mondo idee, opinioni e informazioni più ampie e approfondite, illustrando anche le migliori prassi, per consentire loro sia di operare direttamente che di guidare le loro organizzazioni più efficacemente e di avere un influsso positivo.

Profilo di Siemens PLM Software

Siemens PLM Software, una business unit della Divisione Industry Automation di Siemens, con quasi 6,7 milioni di licenze e 69.500 clienti, è leader mondiale nella fornitura di software e servizi per la gestione del ciclo di vita del prodotto (PLM). Con sede centrale a Plano, in Texas, Siemens PLM Software offre soluzioni aperte che permettono alle aziende di trasformare più idee in prodotti di successo. Per maggiori informazioni sui prodotti e i servizi di Siemens PLM Software, visitate il sito www.siemens.it/plm.

Profilo della divisione Industry Automation

La Divisione Industry Automation di Siemens (Norimberga, Germania) è fornitore leader a livello mondiale nell’ambito di sistemi di automazione, impianti di comando a bassa tensione e software industriali. L’offerta include prodotti standard per l’industria manifatturiera e di processo e soluzioni per interi settori che spaziano dall’automazione per gli stabilimenti di produzione automobilistica agli impianti chimici. Come fornitore leader di software, la Divisione Industry Automation ottimizza l’intera catena a valore aggiunto dei produttori – dalla progettazione e sviluppo del prodotto fino alla produzione, la commercializzazione e un’ampia gamma di servizi di manutenzione. Con circa 33.000 collaboratori a livello mondiale (settembre 2010), la Divisione Industry Automation di Siemens ha chiuso l’anno fiscale 2010 con un fatturato totale pari a 6.2 miliardi di Euro. www.siemens.it


Note: Siemens and the Siemens logo are registered trademarks of Siemens AG. All other trademarks, registered trademarks or service marks belong to their respective holders.

Come possiamo aiutarti?